Il Nostro Progetto

Novità
· Archivio Notizie

Foto Gallery

Testimonial

Eventi

La salma del Presidente della Tanzania

La salma del Presidente della Tanzania

Amici, vi offro una riflessione

E' giunta oggi a Dodoma la salma dell'ancora giovane presidente Magufuli e domani ci sarà una solenne celebrazione funebre. Poi i funerali di stato e poi la porteranno a Mwanza, sua città natale che si specchia nelle acque del lago Vittoria.
Per le strade ci sono ancora le sue immagini sorridenti e accattivanti per le elezioni dello scorso anno dove è stato rieletto presidente.
E' John Magufuli, 61 anni, morto improvvisamente la scorsa settimana.
Magufuli: il volitivo, il contestatore del Covid, l'uomo che si sentiva il più potente e il più libero della nazione. Ed in un attimo si è presentato al tribunale di Dio per rendere ragione dei suoi atti, della sua vita.
Il nostro tempo oggi purtroppo sta ascoltando il messaggio di coloro che rivendicano l'autonomia completa dello spirito che diventa legge del proprio essere e del proprio divenire. Crediamo che la libertà da Dio sia la nostra libertà, il distintivo della nostra dignità. La conclusione? stiamo cadendo sempre più nella tristezza, nella paura, nella schiavitù e nella miseria. Alla felicità di questo nostro mondo manca appunto un poco di quella follia che ci faccia uscire dagli orizzonti soffocati della nostra ragione e dai nostri gretti egoismi per accogliere in essi stessi l'opera bella del Creatore e goderla nella purezza della preghiera, della contemplazione e dell'amore.
A noi sta sfuggendo il carattere sacrale del creato e nell'universo e non troviamo che noia, la morte, il nulla. Abbiamo tutto e ci manca Tutto, perché ci manca la volontà di Colui che solo può nutrirci con il suo amore e la sua gioia.
Non siamo più in grado di stimare la bellezza, diventata ormai materia e venduta alla stregua di ogni altra merce terrena. Perciò l'amore è diventato passione e lo spirito schiavo della passione. E con la bellezza ci aiuti a riconsacrare quella infinita moltitudine di beni di cui Dio è prodigo con le sue creature. Oggi la materia è diventata regina dello spirito, perciò noi moriamo di fame accanto ai nostri forzieri ricolmi di ogni bene. Ci mancano due mani calde di preghiera per spezzare a tutti il pane della Provvidenza e che la carità non diventi demagogia, bramiti di lupi intorno alla mensa comune.
Ora il presidente è approdato nell'eternità. Per lui una preghiera di suffragio.

Un forte abbraccio
Baba Fulgenzio

Inserito da riccardo Tuesday, 23 March 2021 (24 letture)
( Leggi Tutto...)



Non voglio spegnere le 84 candeline…

Non voglio spegnere le 84 candeline…

Oggi 10 marzo 2021 vorrei, all’alba dei miei 85 anni, accendere altre 84 candeline e poi ancora 84 e alte ancora per così potere illuminare il mio cammino e il mondo intero.
La prima parola che vorrei dire oggi è grazie. Grazie a tutti gli amici che mi hanno accompagnato nei miei lunghi anni. Grazie a tutti quegli amici che mi hanno accompagnato nei campi di lavoro in Kenya, in Tanzania, in Messico e nelle favelas del Brasile.
Grazie a tutti voi che insieme abbiamo potuto realizzare il Villaggio della Gioia, il Villaggio della Luce, il Noviziato e la grande casa di Preghiera che sta per essere ultimata a Dodoma, nuova capitale della Tanzania.
Grazie per avere sostenuto la nuova Congregazione delle Mamme degli Orfani che sta fiorendo nella chiesa di Dio e nel mondo intero.
Oltre al grazie vorrei sottolineare la parola SPERANZA. Quella speranza che ci ha sostenuto in progetti ‘pazzi’ ma realizzati. Ma non di quella speranza tutta e solo umana che è sciocca ipoteca su un futuro incerto, ma che è sostanza di cose sperate e poi realizzate.
Ora vorrei meditare su una vita giunta al traguardo dei suoi 84 anni.
84 anni: tempo significativo e prezioso nel quale si è dipanata la mia storia. E la Bibbia dice che è importante “fare memoria” della storia che ci precede.
Dice infatti il Deuteronomio, uno dei libri della Bibbia: “Ricordati di tutto il cammino che il Signore Dio ti ha fatto percorrere in questi anni“. Durante questo lungo cammino ho fatto esperienza di essere perdonato, nutrito e amato da Dio.
Ho potuto riconoscere sempre un nuovo rapporto con Dio, quello del figlio guidato, amato anche nei momenti oscuri e bui, da un padre che ama. In questi 84 anni ho riconosciuto la verità della mia povertà: non io solo ho fatto qualcosa, ma il Signore ha fatto tutto attraverso di me, nonostante me.
“Ricordati di tutto il cammino che il Signore ti ha fatto percorrere in questi anni”. E questa Parola di Dio è stata per me una perenne, riconoscente, a volte incomprensibile memoria, che mi ha accompagnato in questi lunghi anni. E nella memoria ho capito che tutto è storia sacra. L’eterno missionario che è lo Spirito Santo, l’ho sentito camminare accanto a me, dentro di me, senza che ne vedessi le impronte e ne sentissi il Suo respiro.
Alla sua scuola ho imparato che il sentiero della vita deve essere un sentiero che conduce verso gli altri, come Cristo è sceso dal Cielo PER noi, come Lui, lo Spirito Santo è disceso per noi, su di noi, e dentro di noi ufficialmente nel santo Battesimo e nella Cresima e scende ogni volta che lo preghiamo.
Accogliere il messaggio del Vangelo, ricevere il Signore in verità significa trasmetterlo. Ho sentito dentro di me un’ansia missionaria che mi ha ferito il cuore al pensiero che l’Amore non è compreso, non è amato; il Cristo è indesiderato ed ho cercato di intraprendere strade, a volte difficili, rischiose e sconosciute, nelle quali mi sono sentito impegnato e chiamato in prima persona.
Durante il cammino nel deserto Israele si è nutrito di manna, cioè di ciò che è solo DONO DI DIO, senza ammucchiare per se stesso e per il domani, ma in spirito di SOLIDARIETÀ, nella condivisione del pane quotidiano secondo i bisogni di ciascuno. La solidarietà è ed è stata una realtà viva che ha arricchito e dato consolazione alla mia vita.
Ho camminato spesso da solo, ma mi son sempre sentito unito, mi son sempre sentito “Chiesa” ed ho dato a Gesù il tempo di questi anni, il mio cuore, le mie mani e i miei piedi: “ Cristo non ha più mani, voi siete le mani di Cristo, Cristo non ha più piedi, voi siete i piedi di Cristo “. E mi son sentito chiamato in prima persona, ed ho sentito su di me una enorme responsabilità.
84 anni. Non per vivere di ricordi nostalgici, ma per vivere ogni giorno e ricominciare sempre da capo.
Spesso, nel percorso della mia attività, mi son sentito come il piccolo Davide di fronte al gigante Golia.
Di fronte a me e accanto a me un mondo impazzito, sconvolgente e volutamente impotente per compiere opere di vita, per soccorrere, aiutare e tentare di salvare almeno le creature le più fragili, innocenti, impotenti come sono i bambini orfani e di strada. E nel mio piccolo ho potuto scagliare, scagliare pietre contro il Golia di oggi: contro l’egoismo, l’indifferenza, la malvagità, contro il male, nel tentativo di far un poco rinsavire questo nostro piccolo e caro mondo, di far si che si ritrovi l’anima, quell’anima creata da Dio e a sua immagine e somiglianza. Gli ultimi 20 anni sono stati i più densi di opere, i più ricchi di doni e di grazie, i più pesanti nel portare la croce, e i più proficui per tanti e tanti piccoli orfani e ragazzi di strada e per migliaia di studenti.
C’è stata una lettera scrittami dal mio Padre Generale, Padre Ottavio d’Egidio, proprio il giorno di Natale del 2003. IL 2003: anno di forti tensioni nel mio spirito, di dubbi e di paure, ma la lettera del mio Superiore Maggiore mi ha ricaricato, portato luce sfolgorante, rinnovata voglia e nuovo entusiasmo.
Il mio Superiore Generale, al mattino di Natale, così mi ha così scritto:
“ho ricevuto con piacere i tuoi auguri e il tuo ritorno gioioso al Villaggio della Gioia: il sorriso di un bambino è il sorriso di Gesù che ti corre incontro; è Lui stesso che lo dice: quello che avete fatto ad uno di questi piccoli lo avete fatto a me; quindi avanti con la certezza di camminare sulla strada giusta“.
E sono andato avanti fino ad oggi con sempre più coraggio, con sempre più sacrificio, con sempre più gioia.
La mia Congregazione dei passionisti è ricca di santi e di beati. Scelgo una frase che un nostro Beato, padre Domenico Barberi che spesso diceva: il passionista è destinato a riposarsi solo dopo la morte.
E io questa frase la ripeto ogni giorno e la voglio vivere fino in fondo e dico al passionista Padre Fulgenzio che il tempo del riposo non è ancora venuto.
Ed allora, non voglio spegnere le 84 candeline, ma accenderne di nuove per dare più luce al mondo intero.
Gesù ha detto: voi siete la luce del mondo.
Amici, abbiate la mia riconoscente preghiera e la mia benedizione.
Amici, un regalo per tutti voi: la foto di queste mie due figlie, Stella e Anuarite che tentano, sulla spiaggia del nostro oceano Indiano, carpire due stelle per portarle sulla terra.

Baba Fulgenzio

Bimbi in riva all'oceano

Inserito da riccardo Wednesday, 10 March 2021 (23 letture)
( Leggi Tutto...)



I sette doni dei Re Magi

I sette doni dei Re Magi

Amici,
veramente i doni dei Re Magi, secondo il Vangelo, sono tre. Ma quest’anno i Magi sono giunti al nostro Villaggio della Luce, e di doni ne hanno portati sette. Sette piccoli, luminosi orfanelli che i Magi hanno deposto tra le braccia delle “Mamme degli Orfani”.

Amici,
vi offro tre verbi che appartengono alla grammatica di questi Sapienti d’Oriente: Cercare, Adorare e Offrire. La nostra sete di cielo viene totalmente appagata solo da un Bambino che è Figlio di Dio, che è Dio stesso.
La fede è questione di ginocchia, “si prostrarono e adorarono”.
La fede è questione di “Guardare in Alto” dove vi è sempre una festa di luce. Dove abitano le stelle.

Facciamo nostra la loro ricerca: guardare in alto, guardare dentro, guardare oltre. E questo Bambino Dio che loro adorano è la verità, la verità fatta carne per la nostra fame di amore, fatta acqua per la sete dei nostri desideri infiniti, fatta luce per la nostra ricerca.

Amici,
ora questi sette doni abitano con noi, sono i nostri figli, e iniziano un cammino di serenità, di vita dignitosa, di gioia vera.
Se volete potete venire a incontrarli. Benvenuti tutti.
Di nuovo auguro a tutti un felice Anno Nuovo

Baba Fulgenzio

Padre Fulgenzio con i bimbi

Inserito da riccardo Thursday, 07 January 2021 (41 letture)
( Leggi Tutto...)



Santo Natale 2020

Baba Fulgenzio con le Mamme degli Orfani e alcuni bimbi orfani

Le Mamme degli orfani con i loro ultimi figli arrivati nel mese di giugno 2020

Santo Natale 2020

Amici carissimi,
illuminiamo questo tempo di grande calamità con la speranza viva, quella speranza che ci illumina, che ci fortifica e che non è sciocca ipoteca su un futuro incerto, ma realtà viva e confortante, quella Virtù della Speranza cristiana che solo viene da Dio e dona nuova vita.
Amici, facciamo fiorire la Speranza cristiana nella certezza che tornerà presto la “LIBERTÀ” “ (non più zone rosse o di altri colori) ma quella libertà che darà inizio ad una vita più serena, più riflessiva più vivibile e più solidale.
Preghiamo questo Bambino Dio che viene a nascere in una stalla e a morire inchiodato ad una croce. È LUI la Via, la Verità e la Vita. In LUI deponiamo la certezza della nostra speranza.
Da Baba Fulgenzio, dalle Mamme degli Orfani e dai nostri angioletti neri l’augurio più caro di un Santo e gioioso Natale.

Amici, è NATALE, la festa del DONO

Il Divino Infante

Ora gli orfanelli attendono un dono. Io sono sempre il loro papà, il solito mendicante senza vergogna e senza ritegno che osa chiedere collaborazione.
Sarebbe bello offrire ai nostri orfanelli il vostro 5x1000
Il codice fiscale è 93027230163.

Con cuore riconoscente siate sicuri della nostra preghiera.
Abbiate la nostra Benedizione
Baba Fulgenzio

Inserito da riccardo Friday, 04 December 2020 (80 letture)
( Leggi Tutto...)



Le Mamme degli Orfani sono ricche…

Baba Fulgenzio con una bimba orfana

Amici carissimi,

in questi giorni le Mamme degli Orfani sono diventate “ricche”.
Ricche di grazia, di amore, di sacrificio e di donazione totale ai piccoli angeli soli e abbandonati. Hanno avuto in dono altri 9 angioletti neri tutti dai due anni e mezzo ai tre anni.
Ora i figli sono tanti, tanti ma mai troppi.
Ora vi è ancora più tenerezza, più amore e più sorrisi tra le mamme degli Orfani.
Ora abbiamo nove piccoli angioletti neri, bellezza e tenerezza di Dio sempre più visibile in mezzo a noi.
Speranza e benedizione per questo nostro povero tormentato mondo.
Sempre più grazia, più gioia e più sacrificio in queste meravigliose Mamme degli Orfani, splendide creature che con amore intenso vivono tutti i loro giorni dando un senso sempre più profondo di consacrazione e di dedizione alla loro splendida giovinezza.

AMICI, noi nel nostro piccolo facciamo tutto quello che possiamo fare per queste piccole creature abbandonate.
Chi di voi potesse “accogliere” nella vostra famiglia una di queste creature, o inviarci una offerta, ci scriva.
Risponderemo subito dando tutte le informazioni per le adozioni a distanza.
Con gioia vi mando tre foto scattate due giorni fa sulla nostra collinetta della Madonna.
Sempre con affetto grande e viva riconoscenza.
Abbiate la mia benedizione e quella dei nuovi piccoli angeli.

Baba Fulgenzio

Baba Fulgenzio con le Mamme degli Orfani e alcuni bimbi orfani

Baba Fulgenzio con le Mamme degli Orfani e alcuni bimbi orfani

Inserito da riccardo Saturday, 25 July 2020 (114 letture)
( Leggi Tutto...)



Sono 20 anni ormai da che mi trovo in Tanzania

Sono 20 anni ormai da che mi trovo in Tanzania

Amici,
Sono 20 anni ormai da che mi trovo in Tanzania. Ho imparato la fede ogni giorno. Mi sono sentito sempre estraneo e protagonista, inutile e indispensabile. Troppo piccolo per la missione alla quale sono stato chiamato e troppo grande per averne accettato le conseguenze. E ogni giorno ho vissuto la sete di miracoli della gente. La sete di Dio, la sete di verità, di certezze e di speranze, di protezione. La sete di acqua viva.
Sono 20 anni che stendo la mano. 20 anni da mendicante. E voi mi avete dato, mi avete sostenuto, mi avete creduto. Per molti di voi la collaborazione è iniziata da più di mezzo secolo, risalente al giorno della mia prima Santa Messa 57 anni fa.
Tutto sembra lontano eppure presente, attimi ben configurati, come patrimonio oramai consolidato, come folle avventura appena iniziata.
20 anni di tutta grazia, di tutto DONO ricevuto e di tutto DONO donato. Perché la missione non è il prodotto di una geniale intuizione personale ma una fede vissuta insieme, una carità costruita ogni giorno insieme.
Ora oso stendere ancora la mano. Sono sempre il solito povero medicante senza vergogna e senza ritegno, pure nei momenti difficili nei quali stiamo tutti vivendo, e oso ancora chiedere collaborazione.

Chiedo il vostro 5x1000
Il nostro codice fiscale 93027230163
Il nostro Sito www.ilvillaggiodellagioia.it
EU IBAN: IT52 B 05018 11100 0000 1530 0007
C/C Postale 30021208

Amici, grazie, e il grazie che conta, che produce GRAZIA e vita eterna in Paradiso, ve lo dice e assicura il Signore.
Da parte mia, dalle Mamme degli Orfani e dai nostri angioletti neri una benedizione.
Baba Fulgenzio

Inserito da riccardo Monday, 22 June 2020 (170 letture)
( Leggi Tutto...)



Gli Auguri dei vostri orfanelli addottati

Amici,
La gioia che sprigiona dal cuore dei nostri orfanelli e i loro auguri di Pasqua, possano giungere fino a voi e donarvi la gioia e la forza di proseguire con fede e con amore, nonostante questi nostri tempi di grandi difficoltà.
All’alba della mattina di Pasqua il Risorto ha dimostrato alle donne che è possibile togliere il macigno dal sepolcro e iniziare una nuova vita, una nuova primavera.
Anche qui tutte le scuole sono chiuse e non si possono fare celebrazioni pubbliche, ma non possono fermare i canti e le danze di gioia dei nostri piccoli e non possono fermare le pubbliche preghiere e i santi rosari che questi orfanelli dicono ogni giorno per voi.
Santa Pasqua; un nuovo cammino di speranza e di vita.
Un augurio grande e un grazie ancora più grande per tutto quello che fate per queste nostre creature che ci portano ogni giorno il cielo sulla terra e ci infondo motivi di speranza e di amore.

Baba Fulgenzio

Inserito da riccardo Saturday, 11 April 2020 (220 letture)
( Leggi Tutto...)



Una preghiera per la Tanzania

Una preghiera per la Tanzania

Amici che amate ed aiutate la Tanzania, ora è il momento di unirci tutti nella preghiera.
E di metterci in ginocchio perché è la posizione migliore per pregare.
È arrivato anche qui il virus che sta devastando l’Italia.
Ma qui noi siamo quarto mondo. Qui non esista sanità pubblica. Qui esiste la povertà e il povero che si ammala muore. Qui la nazione è grande tre volte l’Italia e ormai anche noi siamo circa 50 milioni di abitanti.
Imploro una preghiera e che il Signore ci aiuti a sopportare questo momento così tragico.
Le nostre scuole, come tutte le scuole, da questa mattina sono chiuse a tempo indeterminato. E le restrizioni cominciano ad essere pesanti.
Uniamoci nella solidarietà e nella preghiera.
Un forte abbraccio a tutti ed una benedizione

Baba Fulgenzio

mappa

Inserito da riccardo Thursday, 19 March 2020 (188 letture)
( Leggi Tutto...)



Piccolo Ospedale per gli orfani di Baba Fulgenzio

Piccolo Ospedale per gli orfani di Baba Fulgenzio

Carissimi, la gioia e la pace, insieme alla carità, siano le realtà vive che ogni giorno arricchiscono sempre di più la vostra vita ed è per questo che ogni mattino prima della celebrazione della Santa Messa, per voi prego con viva riconoscenza e affetto grande.
Abbiate sempre la mia benedizione.
Ormai sono vecchio e gli 83 anni di vita mi pesano molto e la croce è sempre più pesante, ma la voglia di continuare è molto forte e dona sempre nuove energie.
Quanto è bello lavore per il Signore e per le sue e nostre creature, le più povere ed abbandonate.
Ora una bella notizia e anche un invito ad aiutare sempre questi nostri orfanelli sentendoli come figli preziosi che il Signore ci ha dato.

Il grande parco giochi del Villaggio della Luce inizia ad animarsi. La gioia dei primi bambini è grande e la meraviglia di avere a disposizione un parco così grande e ricco di giochi non finisce di stupirli. Ora tutte le strutture necessarie sono ultimate.
Manca una sola cosa: l’arredamento del piccolo ospedale.
Per ottenere l’approvazione dallo Stato è necessario che ci siano già installate queste strutture di cui allego l’elenco e i rispettivi costi.
Per potere iniziare anche questa grande opera ora oso ancora stendere la mano.
Questo “stendere la mano” è un modo per aiutare i missionari, ma soprattutto per aiutare colui che dona e di arricchirlo di doni del Cielo.

Una SOTTOSCRIZIONE

Sono 24 le forniture richieste: i costi variano da 3 euro a 4.12 euro. Ci sono tutte le possibilità per tutte le borse.
Potete contribuire scegliendo una fornitura qualsiasi e “intestarla” a un vostro caro defunto o per ottenere una grazia particolare.
Nell’entrata del piccolo ospedale verrà posta una bacheca con il nome, per coloro che lo desiderano, del benefattore offerente. A perenne ricordo.
Per i vostri versamenti
EU IBAN: IT52 B 05018 11100 0000 1530 0007
Sempre con affetto grande e con viva riconoscenza

Baba Fulgenzio

Ecco l’elenco e le foto del piccolo ospedale.

Fornitore
Crown Healthcare Ltd

Destinatario
Tegeta Mission Dispensary

N.

Descrizione

Costo in Euro
(IVA inclusa)

01Analizzatore urine semi-automatico U500600,00
02Strisce per l’analisi dell’urina UA 11 (28/2/21)5,20
03Luce Widal 2x5Ml3,00
04H.Pylori 50’S Laborex (31/11/21)30,00
05Epatite BsAG Laborex-50’s (30/09/21)20,00
06Epatite C -50’s Laborex (31/05/20)30,00
07Oftalmoscopio Uni C-Handle108,00
08Nebulizzatore Compressor Ne-C28P72,00
09Lettino da esame in acciaio inossidabile B-40-1289,20
10Carrozzina100,00
11Barella in acciaio inossidabile con regolatore d’altezza840,00
12Centrigudge Omega 6 tubi260,00
13Microscopio Olympus Cx23 LED1.400,00
14Auto analizzatore ematologico4.012,00
15Diluente 5.5Ltrs M30 (17/10/20)44,00
16Cfl Lisi 100Ml M30112,00
17Detergente per sonda 50Ml (31/10/22)46,00
18Carte ematologiche2,60
19Refrigeratore per farmaci Hyc1.888,00
20Vassoio chirurgico 370x320x10060,00
21Cestello per bendaggi 225x22516,00
22Cestello per bendaggi 290x29024,00
23Copertura per vassoio strumenti W/O 208x109x15mm24,00
24Vassoio chirurgico con copertura 12x8x220,00
Totale10.006,00
TOTALE scontato EURO9.796,20

 

Ospedale Bambino Gesù
Piccolo Ospedale del Bambino Gesù / Hospitali ndogo kwa Mtoto Yesu

Ospedale Bambino Gesù

Ospedale Bambino Gesù

Inserito da riccardo Monday, 24 February 2020 (233 letture)
( Leggi Tutto...)



I primi quattro bimbi arrivano al Villaggio della Luce

SANTO NATALE 2019

I primi quattro bimbi arrivano al Villaggio della Luce

È con gioia grande, con affetto e viva riconoscenza che porgo a tutti voi gli auguri più belli di un felice e santo Natale.
Sono giorni questi di CONTEMPLAZIONE. Contempliamo Dio nel suo cielo infinito e stellato e vediamolo incarnato nelle sue creature: le più belle e le più fragili: i suoi e i nostri bambini.
Ecco i primi 4 bimbi che ai primi di gennaio 2020 arriveranno al Villaggio della Luce. Ne accoglieremo subito tanti e tanti ancora da riempire tutto il grande villaggio.
A gennaio inizierà anche l’asilo.
Io partirò sabato 21.
Domenica 22 su TV2000, alle ore 15.30 ci sarà un mio video messaggio dove porgerò gli auguri a tutti gli ascoltatori ed eleverò una supplica al BAMBINO GESU’ PER TUTTI I BAMBINI DI HAITI.

Sabato 14 dicembre è partito il container di 18.200 kg. di provvidenza. Grazie a tutti gli amici e benefattori che hanno contribuito alla sua realizzazione.

Ecco ora i primi nostri 4 figli pronti per essere adottati.
Attendiamo con gioia i loro genitori adottivi. A Gennaio comunicheremo la loro piccola storia.

Ecco i bimbi:

bimbi
ALAFATI SALUMU NUSU (Anni 3)

bimbi
BENIDICT YAKOBO MKUNDA (Anni 2)

bimbi
FESARI WAZIRI MNONGELA (Anni 3)

bimbi
GASPAR KAHETA EMILI (Anni 3)

Inserito da riccardo Friday, 20 December 2019 (230 letture)
( Leggi Tutto...)




Sito ufficiale del Villaggio della Gioia ONLUS © 2003
PRIVACY POLICY

Realizzazione e assistenza alla Redazione: Anima Universale

Web site engine's code is Copyright © 2002 by PHP-Nuke. All Rights Reserved.
PHP-Nuke is Free Software released under the GNU/GPL license.
Generazione pagina: 0.026 Secondi

"